La resurrezione dei viventi

Scrivo dopo 5 mesi esatti, le cose non è che siano cambiate tanto se non che abbiamo nelle nostre case diverse mascherine (chirurgiche FP2,FP3,di cotone etc,) e la collezione di Amuchina ma al di là di questo connubio non c’è molto da raccontare mai come quest’anno è stato privo di novità.

Io spero che almeno ci sia un sole che risorga dopo questo infinito buio che stiamo percorrendo tutti me lo auguro e ve lo auguro come diceva il mio amico Antoine ad ogni fine c’è sempre un nuovo inizio.

Capitolo 4

Clementina si alzò quella mattina con un ottimo umore, era senza lavoro ma ciò non le destava particolare preoccupazione anzi si sentiva sollevata visto che aveva tempo libero in cui poteva curare i suoi interessi. Sapeva dentro di sè che prima o poi le cose cambiavano, ci sarebbe stata una vera e proprio rivoluzione ma per il momento voleva solo essere una mera spettatrice della su vita, prima che qualcuno la chiamasse sul palco e con voce perentoria l’avrebbe detto sali su questo palco! Forza!

Capitolo 3

Clementina let’ s twist again come on,come on, there is a life to live! come on vivi Clementina non sarà la fine del mondo se qualcuno non ti valorizza come on let’s twist again ,ritenta non ti sei mai arresa vai avanti and Karma Chamel oh yes il tuo momento lo vivi ogni giorno e non è la fine del mondo. Go Clementina vai per la tua strada!

Capitolo 2

Quella mattina Clementina si era alzata con un umore altalenate non sapeva che fare, scriveva, disegnava, pensava non prendeva pace si sentiva così smarrita piena di dubbi filosofici altro che Shopenhauer ! Che faccio si domandava? che non faccio si domandava?non riusciva a trovare risposte tutto quello che faceva l’annoiava non aveva nulla aveva perso il suo acuto ottimismo. Voleva andarsene ma non era il periodo adatto c’era una pandemi in corso maledetto Covid19. Quando finirà tutto questo ?quando? non ce la faceva più maledetto Covid19 hai stravolto tutto maledetto!!!!!

1 Capitolo

Questa storia inizia in un primo pomeriggio di novembre con il sole che picchia sulla scrivania e di un ramo secco che crogiolava come una culla e nel mentre c’era Clementina che pensava alla sua vita a quello che l’era accaduto dopo aver conseguito la laurea.

Clementina si sentiva tremendamente triste non era soddisfatta della sua vita lavorava presso una società, la sua attività consisteva nel tappare i buchi dei suoi capi, attività che le lasciava un lungo tempo libero che lo riempiva in studi, letture e lunghe riflessioni sulla sua esistenza; per non parlare della sua vita sentimentale, la sua ultima novità risaliva a febbraio del 2020 tra l’altro era uscita con tale tizio il 29 febbraio il che non faceva presagire nulla di buono visto che quel giorno capita ogni 4 anni.

Ecco Clementina pensando a tutto questo non le restava che rendersi ottimista alla Tonino Guerra o la peggior pessimista leopardiana. Due erano le strade da seguire prendere destra o sinistra di quell’incrocio.

Se prendeva la strada destra e quindi persegui l’ottimismo che profuma di vita poteva pensare a cosa? a illudersi di un qualcosa che per adesso non c’era! cosa non c’era? la stabilità economica una relazione sentimentale stabile, un progetto di vita.

Se prendeva la strada sinistra (già la stava percorrendo) si sentiva Schopenhauer , il cui pendolo oscillava ho fatto la cosa giusta? ho sbagliato tutto.

Clementina è così una persona dalle mille contraddizioni ma nonostante tutto è una persona tenace, determinata e vuole che almeno per una volta nella vita la sua rivalsa che le è stata negata fin troppe volte.

Dunque quello che si chiede Clementina è quando arriva quel momento? perchè è tanto stanca.

Il punto di ritorno

Costato con  brillante lucidità pre-estiva che non scrivo da 2 anni esattamente nel 2018 quando ancora eravamo ignari del coronavirus e del lookcdown! 2 anni sono tanti  o pochi?cosa devo fare in tal caso, chiedere venia? (mi sentirei troppo cuor di panna) allora non chiedo  nulla se non che quando facciate scroll sui miei articoli un sano,sereno sorriso 😉 a presto bamboli!

Sono senza sonno

Quando non hai sonno cosa devi fare affinchè la palpebra possa calare.Ci sono vari tentativi:

1.Anagrammare le parole

2.Teorizzare un pensiero Kantiano

3.Creare un processo di analisi-logico matematico

4.Attuare un sistema burocatico italiano snellente

5.Scrivere un romanzo di stile Kafkiano

Buona notte.

l’Italia è

L’Italia è quel posto che se cerchi un lavoro invecchi,

L’Italia è una nazione che premia lo scansafatiche e non il lavoratore “sudato”,

L’Italia è un luogo in cui ammiri il Colosseo con contorno di San Pietrino cadente,

L’italia è contraddittoria,cialtrona,furba,

L’Italia è quella nazione che vedrà con tristezza il Mondiale di calcio 2018 da un’altra prospettiva,

L’Italia è una ragazza affamata di sapere, di conoscenza,di cambiamento

L’Italia è un’anziana signora smarrita in attesa di ritrovare i suoi cari sparsi nel mondo,

L’Italia è in affanno,

L’Italia è bellezza invidiata,

L’Italia è una nazione che non può essere vissuta da tutti.